Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - LE FRAZIONI - FORME - Storia - Storia dei Santi Patroni - L'intervento di Sebastiano

L'intervento di Sebastiano
Era spettatore della scena il giovine ufficiale Sebastiano, custode dei prigioníeri o forse compagno di Nicostrato. Era cristiano, ma occultava la sua fede per prudenza e per poter meglio sovvenire ai bisogni e alle necessita' dei suoì fratelli in Cristo. Davanti alla titubanza e forse anche alla probabile apostasía dei due giovani prigìcnieri, credette opportuno, anzi suo dovere, di svelarsi e di intervenire direttamente.
 
Entrando in lizza, eglì si rivolse prima dì tutto a Marco e Marcelliano, esortandoli in termini concisì e militari a perseverare nella fede e a non lasciarsi vincere dalle lusinghe del mondo:"0 validissimi commilítoni in Cristo - egli diceva- non vogliate deporre una corona eterna per allettamenti terrestri. Avete sofferto immaní tormenti con ciglio asciutto e con mirabile costanza, e ora vi lasciate intenerire dalle lacrime dei vostri parenti? Chi ha posta mano all'aratro e si volge indietro non e' degno del Divino Maestro. Similmente che non rinuncia al padre, alla madre, ai fratelli, alle sorelle, alla propria vita non puo' essere degno discepolo di Cristo. Non vogliate dunque ritirare il dono che avete fatto di voi stessi. Siate generosi nel combattimento: ancora un poco e colui che ha da venire verra' e non tarderà".
 
Con queste ed altre parole, dettate dalla circostanza Sebastiano esortava i militi di Cristo alla perseveranza nella fede. Le sue espressioni erano sentite nel piu' intimo della sua coscienza, erano ispirate dal Signore; il suo sguardo era radioso e penetrante, tutta la sua persona riscoteva rispetto e venerazione. Evìdentemente il Signore dava forza alle sue parole per far riflettere e rianimare la costanza dei due atleti, messa a grave prova dalla tentazione. L'effetto fu immediato. I santi prigionieri si rianimarono, si riconfermarono nella loro fede, dispiacenti di aver avuto un momento di viltà, si dichiararono pronti a soffrire qualsiasi tormento piuttosto che rinunziarvi.
 
Note
 
 
Sei in: - LE FRAZIONI - FORME - Storia - Storia dei Santi Patroni - L'intervento di Sebastiano

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright