Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 

Santa Maria
Testi a cura del Prof. Angelo Melchiorre  maggiori info autore
Queste informazioni riguardano la Chiesa di Santa Maria in Alba andata completamente distrutta con il passare dei secoli.
 
In un manoscritto inedito del secolo diciottesimo si legge che "Santa Maria in Alba è creduta e stimata da ognuno, per la più antica e insigne Collegiata" della diocesi dei Marsi. Infatti - come afferma l'anonimo autore di quel documento - il capitolo di quella Chiesa , composta da ben 17 Canonici, esisteva già ai tempi di Papa Benedetto VII (secolo X) e, assai probabilmente, dipendeva dal monastero di Montecassino.
 
Passato sotto la giurisdizione del Vesvovo dei Marsi, quel capitolo ( ormai ridotto ad un Abate e sei Canonici ) tentò di conservare una certa autonomia, rivendicando diritti e privilegi, come ad esempio quello di occupare il primo posto nel sinodo diocesano, subito dopo la Cattedrale di Pescina.
Dalla Chiesa matrice di Santa Maria dipendevano i curati delle sei "Ville" circostanti, e cioè Forme, Castelnuovo, Antrosano, Massa superiore (o Corona), Massa inferiore, San Pelino.
 
L'autore del nostro manoscritto così prosegue: " Nel 1602 veggosi le Ville separate dalla loro madre Alba e, per quanto si affaticasse il principe Don Marcantonio Colonna a farle riabitare in Alba, terra murata, perchè soggette le Ville a malviventi, come non murate, ciò non ostante quelle si chiamarono al Camerario di Napoli, ed ottennero per la Cammera della Redazione di separarsi, tassando il pagamento di Colletta ad ogni Villa secondo i loro "Fuochi".
In Parole più semplici le sei frazioni riuscirono ad ottenere l'autonomia amministrativa e fiscale, cui di lì a poco seguì l'autonomia "religiosa" staccandosi dalla Chiesa Matrice di Albe, la quale proprio in quel periodo cambiò nome e sito: infatti, essendo ormai quasi diroccata e in posizione scomoda (fuori dal paese) l'antica Parrocchiale di Santa Maria, l'Abate e i Canonici si trasferirono nella Chiesa di San Nicola, che da quel momento prese in nome e le funzioni di Collegiata.
 
 

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright